Premio Massimo Dradi


I concorsi furono uno strumento molto efficace nei primi, difficili anni della ricostruzione. Venne per esempio indetto un concorso per progettare la tessera dell’associazione, uno per progettare la carta da lettera e uno per progettare il biglietto di ingresso al Teatro Risorgimento. Per la Fonderia Tipografica Reggiani, nel 1948 fu realizzato un concorso per progettare un alfabeto fantasia.

L’evento che però più di tutti contribuì a far conoscere il Centro nei suoi primi anni di attività fu sicuramente il Concorso internazionale di tipografia. Ideato nel 1947 e organizzato dalla Scuola del Libro di Liegi, grazie a un accordo fra gli ideatori e il Centro di Studi Grafici di Milano insieme alla rivista Linea Grafica, venne indetto ad anni alterni in Belgio (Liegi-Milano) e in Italia (Milano-Liegi).

La tradizione dei concorsi continua anche oggi con quello riservato alle scuole di grafica e comunicazione e dedicato alla progettazione di un calendario. Iniziato nel 1999, dal 2019 ha preso il nome di Premio Massimo Dradi, in memoria del nostro ex-presidente. Ci sono state, inoltre, altre iniziative come il Concorso Ex-libris del 2001 e il Concorso per l’etichetta dell’anno, sempre del 2001. Poi le due edizioni del concorso Il Colore nel Packaging, la cui premiazione è stata ospitata nel 2009 da Graphitalia-Ipack Ima in Fieramilano.

Progettista grafico, insegnante di progettazione grafica presso il liceo artistico Toschi di Parma e poi presso la Villa Reale di Monza, Massimo era figlio d’arte. Il padre Carlo, grafico anche lui, non solo fu uno degli ideatori della celebre rivista Campo Grafico, ma fondò anche quegli Studi Grafici che poi, negli anni, sono diventati l’Associazione Culturale Studi Grafici di oggi. Associazione della quale è stato per lunghi anni presidente.

Uomo di cultura, comunicatore dai modi gentili, Massimo sapeva trasmettere la passione che da sempre lo animava nel suo lavoro. In un mondo dove in troppi pensano che basti l’accesso ad un mezzo di comunicazione per avere il diritto di dire qualcosa, dedicando a lui questo concorso vogliamo cercare, come associazione, di continuare il bel percorso iniziato anche grazie a lui.

Il concorso si rivolge agli studenti che sono invitati a realizzare un calendario, composto da un totale di 14 tavole — 12 mesi, copertina e colophon — che interpreti un determinato tema di riferimento, seguendo regole specifiche di presentazione e nel rispetto della funzione pratica del calendario stesso. In questa ottica, il Consiglio Direttivo si propone di ottenere progetti che, considerato il tema del concorso, siano espressione di elaborazioni grafiche stilisticamente aggiornate, originali e che rispondano a tutte le richieste del bando di concorso.

In tutti questi anni siamo sempre stati affiancati da preziosissimi sponsor senza i quali sarebbe stato più difficile portare avanti il progetto. Glie ne siamo davvero molto grati. Se vuoi supportarci, aiutandoci ad organizzare il nostro storico concorso che ogni anno vede protagoniste molte scuole, impegnate a progettare un calendario, sei il benvenuto/la benvenuta.

Contattaci.

Il tuo supporto sarà prezioso per proseguire un percorso che ha ormai più di 20 edizioni e del quale siamo molto orgogliosi.

Concorso 2024 / 24esima edizione


Scopri i vincitori dell’ultima edizione!